Eco-ansia: comprendere il disagio ambientale dei giovani di oggi

Con il crescente pericolo del cambiamento climatico, è emersa un’altra forma di apprensione, strettamente legata alle preoccupazioni ambientali. Questo fenomeno, chiamato eco-ansia, colpisce in particolare i giovani. Si tratta di una paura ragionevole ma complessa, che evoca una varietà di sentimenti e dà vita a un nuovo movimento di azione.

Definizione di eco-ansia
L’eco-ansia, nota anche come ansia climatica, è una paura persistente che deriva dalla percezione dei pericoli della distruzione ambientale e del riscaldamento globale. È la preoccupazione angosciosa per le condizioni future della Terra e per il conseguente impatto sugli esseri umani e sugli altri esseri viventi.
Nonostante non sia riconosciuta come un disturbo clinicamente diagnosticabile, l’eco-ansia sta ottenendo il riconoscimento da parte degli esperti di salute mentale e altri ambiti a causa della sua crescente diffusione. L’espressione “eco-ansia” comprende un’ampia gamma di sentimenti come ansia, rimorso, disperazione e senso di lutto.

eco ansia

L’impatto dell’eco-ansia sui giovani
Tra i giovani, l’effetto dell’eco-ansia è particolarmente significativo. Secondo un’indagine mondiale del 2021 pubblicata su Lancet Planetary Health, il 60% di oltre 10.000 persone di età compresa tra i 16 e i 25 anni ha espresso alti livelli di preoccupazione per l’emergenza climatica, e quasi la metà ha dichiarato che questa preoccupazione ha un impatto sulla propria vita quotidiana.

Le nuove generazioni sembrano essere molto più consapevoli delle questioni ambientali rispetto ai loro genitori e nonni. Da un punto di vista psicologico, i giovani di oggi mostrano la prevalenza di tratti della personalità come la sensibilità e l’empatia, non solo verso i loro simili, ma anche verso il regno animale.

La suscettibilità dei giovani nei confronti dei problemi ambientali è accentuata dalla loro potenziale esposizione agli effetti negativi del cambiamento climatico.
Sono consapevoli del fatto che dovranno affrontare le ripercussioni a lungo termine del cambiamento climatico più delle generazioni precedenti, il che li porta a provare emozioni come dolore, apprensione e frustrazione.

Il ruolo dell’attivismo nell’alleviare l’eco-ansia
Impegnarsi nell’attivismo può avere un impatto vitale sulla riduzione dell’eco-ansia. Compiere anche i più piccoli passi verso l’azione può fornire agli individui un senso di empowerment e diminuire il senso di impotenza in risposta all’emergenza climatica.

Un personaggio di spicco nel campo dell’attivismo climatico è Greta Thunberg, un’adolescente svedese. È emersa come fonte di ispirazione per numerosi giovani, dimostrando di avere il potere di produrre un cambiamento.

Lo sciopero scolastico per l’azione a favore del clima (fridays for future), guidato da Greta Thunberg e divenuto ormai un movimento diffuso, è una forte dimostrazione di come il coinvolgimento dei giovani possa condurre verso progressi positivi. Questo movimento dona ai giovani un senso di potere e di ottimismo, nonostante la scoraggiante realtà dell’emergenza climatica.

Sviluppare meccanismi di coping
Sebbene l’attivismo possa essere utile, è essenziale che i giovani coltivino strategie di coping atte a gestire efficacemente la loro eco-ansia.

Un approccio fruttuoso nell’affrontare l’ansia ecologica è l’acquisizione di conoscenze. Essere ben informati sulle origini e sulle conseguenze del cambiamento climatico, oltre a comprendere gli sforzi che si stanno compiendo per alleviarlo, può donare maggiore sicurezza e speranza.

Inoltre, si può alleviare l’eco-ansia entrando in contatto con l’ambiente e mettendo in atto pratiche più sostenibili su scala personale. Questi sforzi possono variare dall’adozione di una dieta a base vegetale alla riduzione del consumo di energia nella propria abitazione.

Creare un ambiente favorevole
È fondamentale creare un’atmosfera accogliente per gli adolescenti che lottano contro l’ansia ecologica. Ciò significa riconoscere le loro preoccupazioni, fornire loro conoscenze affidabili e incoraggiare i loro sforzi per fare la differenza.

Un approccio efficiente nell’affrontare questo problema consiste nell’assicurarsi che gli esperti di salute mentale possiedano le competenze necessarie per riconoscere e gestire i segnali di eco-ansia. Ciò potrebbe comportare l’integrazione del tema del cambiamento climatico nella formazione e nella preparazione degli assistenti sociali e di altri operatori del settore della psicologia.

Il ruolo dei media e del governo nell’alleviare l’ansia ecologica
I media e le fonti governative sono canali essenziali per informarsi circa i cambiamenti climatici. Hanno un ruolo cruciale nel plasmare la comprensione dell’emergenza climatica da parte del pubblico e, di conseguenza, influiscono notevolmente sui livelli di eco-ansia.

Per alleviare l’ansia ecologica, questi enti possono promuovere una prospettiva positiva e mettere in evidenza le soluzioni quando informano il pubblico sui cambiamenti climatici. Per esempio, invece di enfatizzare gli effetti negativi dell’inazione, possono sottolineare i benefici dell’adozione di misure proattive come la riduzione del consumo di carne e la transizione verso fonti di energia rinnovabili.

preoccupazioni ambientali dei giovani

L’importanza della cooperazione internazionale
Affrontare le sfide del cambiamento climatico e gestire gli impatti dell’eco-ansia richiede una cooperazione internazionale. Il cambiamento climatico è un problema globale che travalica i confini nazionali e le sue conseguenze sono vissute con maggiore intensità dagli individui dei Paesi in via di sviluppo.

Per affrontare adeguatamente l’emergenza climatica è indispensabile che le nazioni collaborino e cooperino. Ciò implica lo scambio di risorse e competenze, l’adozione di patti globali sul clima e l’assistenza nei riguardi dei Paesi a rischio mentre compiono i loro sforzi nella mitigazione del clima.

Conclusioni
Il problema dell’ansia ecologica è multiforme e richiede un approccio globale. Riconoscendo la validità di queste preoccupazioni, incoraggiando il coinvolgimento dei giovani nell’attivismo, diffondendo fatti accurati e promuovendo un senso di collaborazione internazionale, possiamo ridurre l’eco-ansia e mettere le giovani generazioni in condizione di affrontare le sfide della crisi climatica con decisione e ottimismo.

Un ultimo consiglio
Se pensi di soffrire di eco-ansia, ti suggeriamo di prenderti un momento di relax con il nostro divertente test dell’età mentale. Inoltre, se vuoi conoscere meglio la tua personalità e capire più a fondo le cause del tuo disagio nei confronti del destino del pianeta Terra, puoi provare il miglior test di personalità disponibile online, ovvero il nostro esclusivo grande test della personalità. Se hai meno di 16 anni devi assolutamente provare anche il test della saggezza giovanile!

TEST DELL’ETÀ MENTALE
GRANDE TEST DELLA PERSONALITÀ
TEST DELLA SAGGEZZA

 

MINI-TEST DI AUTOVALUTAZIONE: SOFFRI DI ECO-ANSIA?

Leggi le frasi che seguono e seleziona quelle che condividi e che ritieni più sensate.






Conta il numero di caselle selezionate e leggi il profilo corrispondente.
0: Non soffri minimamente di eco-ansia
1-2: Sei preoccupato ma non ansioso
3-4: Mostri sintomi di eco-ansia
5-6: Sei decisamente eco-ansioso